...dai LibriRiflessioni

123…Coraggio, Libertà, Gioia!

Ho scritto il titolo di questo post ripensando e giocando sulle parole che intitolano tre libri, tre trascrizioni dei discorsi di uno dei miei maestri… Osho, maestro indiano illuminato, tanto amato quanto contrastato. I libri s’intitolano “Il coraggio”, “Libertà” e “La gioia”, li ho letti un po’ di tempo fa ed in quest’ultima settimana ne ho riletti alcuni brani sparsi. Ciò che questa volta ha catturato la mia attenzione è stato vedere i libri posti sul ripiano della mia libreria in una sequenza che, in quel momento, mi è apparsa precisa ed alquanto logica… ho avuto la sensazione di essere di fronte ad una ricetta per il successo, per la felicità… 

“la felicità non ha nulla a che vedere con alcunché. È semplicemente l’inaspettato, rilassato, acquietato stato del tuo essere in sintonia con l’esistenza” Osho

I libri erano così disposti:

Il coraggio          Libertà          La gioia

io ho scelto di interpretare la sequenza nel seguente e semplice modo: il coraggio di vivere la propria libertà crea come risultato la gioia.

È quasi impossibile scrivere in merito alle parole di un maestro di vita e quindi vi riporto un tratto di un’intervista con Enzo Biagi del 1986 dove Osho mentre parla dei bambini dice: “osserva un bambino che raccoglie conchiglie e pietre colorate sulla spiaggia: è più felice dell’uomo più ricco del mondo. Qual’è il suo segreto? Quel segreto è anche il mio. Il bambino vive nel mondo presente, gode il sole, l’aria salmastra della spiaggia, la meravigliosa distesa di sabbia. Egli è qui, ora. Non pensa al passato, non pensa al futuro. E qualsiasi cosa faccia, la fa con totalità, intensamente; ne è così assorbito da scordare tutto il resto. (…) Il segreto della felicità è tutto qui: sii qui e ora!” 

Indipendentemente dalla tua filosofia di vita, dal tuo credo, dalla tua cultura, dalle tue attitudini, il mio invito è di spingerti a leggere, a sperimentare, a vivere il presente, ricercando e creando la tua felicità!! …il mio è un suggerimento puramente egoistico, perché ho la convinzione che più persone felici vi siano, più io godrò della mia felicità e più bello sarà il mondo in cui vivono e vivranno i miei figli!!

Grazie

 
Condividi!

    Leave a Reply

    *